7 cose che dovresti sapere prima di visitare Pisa

Release Date:

7 cose che dovresti sapere prima di visitare Pisa

Pisa è da sempre una delle città più conosciute al mondo, merito del potere della sua repubblica marinara prima e della torre pendente dopo.

Visitarla è un dovere, così come lo è andare oltre il Campo dei Miracoli, la celebre piazza che ospita i principali monumenti della città (torre inclusa).

Un giorno non è sufficiente per respirare a pieno il vibrante spirito della città, merito della simpatia dei pisani e delle tante attrazioni sparse per la provincia.

Per esplorare Pisa si può noleggiare un auto low cost a basso impatto ambientale Green Motion presso l’agenzia in aeroporto. (LINK ALL’AGENZIA) Se tutti si impegnassero a ridurre le emissioni di C02 anche la torre rimarrebbe bianca più a lungo.

Green Motion ha raccolto qui le 7 cose che dovresti sapere prima di visitare Pisa.


Da vedere:

Campo dei Miracoli

Il nome dice già tutto: entrando in Piazza del Duomo si avrà una sensazione di stupore tale da avere l’istinto di gridare al miracolo.

Su un enorme prato verde spiccano tutti i principali monumenti di Pisa: il Duomo, il Battistero, il Campo Sante e la famosissima torre pendente.

Per evitare l’invasione di turisti è consigliabile andare la mattina presto, con la consapevolezza che questo luogo è solo una minima parte di quello che il territorio ha da offrire.

Le altre due torre pendenti di Pisa

A Pisa le torre pendenti in tutto sono 3 e si differenziano solo per grado di pendenza, altezza e numero di turisti in pose improbabili di fronte.

Una è la più famosa appena citata, l’altra è la torre della Chiesa di San Nicola, vicino ai Lungarni, con un’inclinazione di 2,5 gradi. L’ultima è la torre della Chiesa di San Michele degli Scalzi, vicino al centro storico, in Viale alberato delle Piagge.

Museo Nazionale della Certosa Monumentale a Calci

Bastano pochi chilometri da Pisa per raggiungere l’ultima certosa costruita in Toscana, a Calci, che oggi ospita un museo molto affascinante che racconta la vita in un convento certosino.

La visita permette di visitare tutte le sale che compongono l’edificio, ognuna adibita a una particolare funzione per i monaci che la abitavano. Un punto di vista imperdibile sulla storia della cultura toscana e italiana.

Murales di Keith Haring

Vicino la stazione centrale, Pisa ospita un enorme murales di Keith Haring, uno degli artisti contemporanei più famosi e apprezzati per le sue figure antropomorfe tanto semplici quanto comunicative. L’opera di chiama Tuttomondo ed è stata realizzata dall’artista nel 1989, un anno prima della sua morte. Il suo coloratissimo omaggio alla vita, alla pace e alla felicità è oggi uno dei luoghi più visitati della città.

I murales si trovano nella parete esterna del convento di Sant’Antonio, tra Corso Italia e Piazza Vittorio Emanuele.


Da esplorare:

Monte Pisano

Così si chiama il comprensorio tra Pisa e Lucca che comprende i comuni di Buti, Calci, San Giuliano Terme, Vicopisano e Vecchiano, un territorio stupendo che vanta il titolo di top 100 Green Destination. A far meritare il titolo, sono stati i tanti percorsi tra natura e storia, adatti sia agli esperti, sia ai bambini, sia agli over 55, rappresentando un’offerta turistica eccellente in tutte le stagioni.


Da gustare:

Biosteria 050

Nel cuore di Pisa, questa biosteria propone deliziosi piatti biologici in ambienti decorati con esposizioni di artisti locali, per una formula semplice e vincente.

Lo chef propone una cucina del territorio semplice e genuina legata alla stagionalità, le cui materie prime provengono da piccole aziende della campagna pisana.

http://www.biosteria050.it

GingerLab

Un modello di ristorazione sostenibile: solo produzione giornaliera, attenzione al km 0, proposte stagionali, menù pensati per il benessere fisico e mentale.

La selezione di piatti di strada, take away, pasta fresca, gastronomia e dolci è golosa e invitante e adatta a ogni tipo di intolleranze. Le specialità vegane sono squisite così come quelle di pesce, orgoglio della cucina pisana.

http://www.gingerlabpisa.com

Torna all'elenco delle notizie